Loading the content...
The Fashionable Lampoon
Tag archives for:

chanel broderies

Una trama ordita dal fato

CHANEL PARIS-HAMBURG 2017/18 - METIERS D'ART CAMPAIGN BY KARL LAGERFELD
CHANEL PARIS-HAMBURG 2017/18 - METIERS D'ART CAMPAIGN BY KARL LAGERFELD
CHANEL PARIS-HAMBURG 2017/18 - METIERS D'ART CAMPAIGN BY KARL LAGERFELD
CHANEL PARIS-HAMBURG 2017/18 - METIERS D'ART CAMPAIGN BY KARL LAGERFELD
CHANEL PARIS-HAMBURG 2017/18 - METIERS D'ART CAMPAIGN BY KARL LAGERFELD
CHANEL PARIS-HAMBURG 2017/18 - METIERS D'ART CAMPAIGN BY KARL LAGERFELD
CHANEL PARIS-HAMBURG 2017/18 - METIERS D'ART CAMPAIGN BY KARL LAGERFELD

Text Cesare Cunaccia

 

Tra la Maison Chanel e gli universi dell’espressione artistica, vi è un legame privilegiato: il ricamo. Broderies – ornati fluidi e narrativi, oppure geometrici e astratti, realizzati con filo d’oro e d’argento brunito per appannarne l’eccessiva brillantezza, arricchivano gli abiti di Mademoiselle fin dagli albori della sua parabola nella moda.

Il capitolo Kitmir sembra una trama ordita dal fato. Kitmir è la manifattura di broderies che dal 1921 e per vari anni è partner di Gabrielle Chanel. Dietro questo nome – si riferisce a un leggendario cane dell’antica mitologia persiana – si cela la granduchessa Marija Pavlovna, sorella del Granduca Dmitrij Pavlovič Romanov, che fu l’amante di Coco e tra i congiurati che assassinarono Rasputin a Palazzo Moika, a San Pietroburgo, nella nevosa notte del 30 dicembre 1916. Marija e Dmitrij, appartenenti alla famiglia imperiale russa, sono forzatamente esuli dal loro Paese, dove si era instaurato il governo bolscevico a seguito della rivoluzione del 1917. Una fiction ricamata sull’arazzo della storia.

Da Chanel, broderie significa Lesage e Montex – due realtà parigine inimitabili per tradizione e maestria, per capacità di sperimentazione tecnica e ricchezza degli archivi, rappresentata da decine di migliaia di cartoni che in parte risalgono al XIX secolo. Dai loro atelier escono meraviglie: ricami a filo e in 3D, scobidoo con pietre, cristalli, carta, legno, latex, conchiglie, raffia e cemento. Sono parte integrante di quei Métiers d’art chez Chanel che forniscono linfa al talento di Karl Lagerfeld, in un rapporto di osmosi creativa. Un dialogo continuo al centro della collezione Paris-Hamburg 2017-18, dove l’apporto del ricamo è più che mai presente.

Lesage e Montex, grazie alle mani delle loro maestranze, hanno ripreso i colori del mare del Nord, i profili dei container del porto mercantile amburghese e l’architettura dell’edificio in cui si è tenuto lo show, la Elbphilarmonie. Un mood che le immagini fotografiche realizzate da Karl Lagerfeld, con la loro atemporale e misteriosa nostalgia anni Trenta, hanno saputo catturare pienamente.

Chanel.com

Métiers d’art Paris-Hamburg collection, chanel.com/paris-hamburg-2017-18

Maison Lesage, lesage-paris.com