Loading the content...
The Fashionable Lampoon
Tag archives for:

la thuile

Nira Montana

Text Carlo Mazzoni
@carlomazzoni

 

Salendo in macchina verso le Alpi, la pianura si inclina dopo Ivrea – lì ti accorgi del primo, il Castello di Pavone, sopraelevato, tra la Dora e il lago. Basta fare anche solo poca attenzione, ma ci si accorge di un telefono senza fili che ha funzionato per secoli. Guidando lungo l’autostrada, riesci a vedere i castelli che non si perdono di vista: uno dopo l’altro, alzano torri che trasmisero segnali a una velocità per noi oggi incomprensibile, ma che rappresentò un servizio di connessione tra i più audaci della storia. La Val d’Aosta segnata da queste rocche, alcune grandi altre più piccole – era il dazio, il confine, la porta d’ingresso – di un territorio che ha dato i natali a una delle famiglie che poi sarebbe diventata la casa reale d’Italia e che oggi ci appare così incerta nel rispetto di qualsivoglia araldica.

Davanti al volante, il Monte Bianco. C’è da comprendere come in molti si spaventassero davanti a una simile mole, e che si cercasse una via alternativa a un muro di quattromila metri. Si volgeva a sinistra. La Thuile è un villaggio in una valle che è passo per la Francia – abitato fin dal primo millennio. Un panettone bianco di piste da sci è quello che vedi quando la seggiovia oltrepassa il ciglio – mentre il paese resta nell’ombra lungo il torrente e il ghiaccio.

In questo pendio di ombra invernale e di fresco estivo, un nuovo albergo è la meta di questo viaggio lungo i castelli d’Aosta – il Nira Montana è una questione di dettagli: il profumo di legno delle stanze nuove, la ciniglia degli accappatoi, le pantofole di velluto lungo come pelo – e i libri, nelle sale, come nelle stanza, segnano un luogo che sa raccontare la montagna che segna un passaggio.

Images courtesy of the hotel

Image cover Castello Savoia, Gressoney, Aosta Valley – Italy