Loading the content...
Navigation
Tag archives for:

rinascimento elettronico

QUESTO SOFFITTO VIOLA

Testo Marco Maggio

 

A Firenze c’era già stato quando aveva appena ventitré anni, all’epoca di uno dei primi spazi italiani di videoarte sperimentale, l’Art/Tapes 22 di Maria Gloria Bicocchi, diventato il punto di riferimento europeo per la produzione di videotape. A quel tempo odiava storia dell’arte all’università, preferendo giocare con le cineprese e i video. I grandi lavori del Rinascimento sembravano non lasciare traccia in lui. Poi arrivò il David di Michelangelo… e tutto cambiò.

Bill Viola, re della videoarte contemporanea, torna a Firenze con un lavoro che ha l’estensione e la maturità artistica di un monumento: “Rinascimento elettronico” è la nuova mostra ambientata nella scenografia di Palazzo Strozzi, aperta fino al 23 luglio prossimo, che intende creare o, anzi, ritrovare il percorso dell’artista fra i suoi video proiettati sui mega schermi nelle sale del Palazzo e talvolta affiancati dalle opere di Maestri quali Masolino, Paolo Uccello e Pontormo. Organizzata da Fondazione Palazzo Strozzi in collaborazione con Bill Viola Studio e curata da Arturo Galansino, Direttore Generale Fondazione Palazzo Strozzi, e Kira Perov, Direttrice del Bill Viola Studio e moglie dell’artista, l’esposizione è un’immersione multidimensionale in cui si intrecciano immagine, spazio, tempo e suono. Protagonista: l’uomo, la sua bellezza senza tempo, chiamato ad esplorare spiritualità e umanità del suo animo nei volti, nei corpi dei suoi simili. Proprio per via di questo stesso soggetto – l’essere umano – lo stile è colmo di poesia, di simboli e di sublime, soprattutto nel momento in cui interagisce con gli elementi e le forze della natura: acqua e fuoco, buio e luce. Il dialogo tra passato e presente, tra antico e contemporaneo, si traduce in un simposio di tutti i tempi che scherzano come dadi, giocando sulla tavolozza dell’arte. La relazione tra Bill Viola e Firenze è incentrata sull’evoluzione del suo linguaggio, sul confronto – che non è paragone – tra i Maestri di un tempo da un lato e l’ispirazione che si è tradotta in evoluzione dall’altro. Una traduzione, questa, a cui Viola ci ha già abituati: nel 1995, concependo il padiglione statunitense della Biennale di Venezia, aveva realizzato il video The Greeting, in cui riproponeva l’incontro delle donne de La Visitazione del Pontormo. Quel che conta non è però l’esposizione del tema in sé, quanto l’invito ad animare quei dipinti per aggiungere loro un prima e un dopo. Questo il senso dell’animazione che, nell’attuale momento storico, si traduce troppo spesso volgarmente in moda. Un evento corale che coinvolge diverse sedi espositive – alcune opere sono esposte alle Gallerie degli Uffizi, al Museo di Santa Maria Novella, al Battistero di San Giovanni e al Museo dell’Opera del Duomo, ma anche ad Empoli, Prato e Arezzo. In virtù di questa logistica, l’invito è a rimarcare l’itinerario ideale che si snoda attraverso tutte le strade della bellezza. La maturità di Viola è colma di equilibri fra ombre e luci, di dialoghi con la tradizione che non hanno nulla di didascalico o formale, di dimensioni ataviche della sensibilità umana, quali la spiritualità e l’arte cristiana, che la evoca inevitabilmente, e che lo slow motion della sua tecnica sembra voler enfatizzare grazie ai tempi rallentati e quasi fermi della videoarte. Perché il tempo della bellezza, questo è certo, può essere solo l’eternità.

 

BILL VIOLA RINASCIMENTO ELETTRONICO

10 marzo 2017 – 23 luglio 2017

Orario mostra
Tutti i giorni inclusi i festivi 10.00-20.00
Giovedì: 10.00-23.00

InfoTel +39 055 2645155
info@palazzostrozzi.org

PrenotazioniSigma CSC
Dal lunedì al venerdì
9.00-13.00 / 14.00-18.00
Telefono: +39 055 2469600
prenotazioni@palazzostrozzi.org

Images Courtesy of press office 
www.palazzostrozzi.org