Loading the content...
The Fashionable Lampoon
Tag archives for:

sisley

La Milano inedita

Text Giacomo Andrea Minazzi

@giacomominazzi

 

Mazzolari è uno di quei luoghi che racconta, testimone di una Milano inedita. Qui non c’è improvvisazione ma esperienza. È una profumeria, punto di riferimento per chi la città la conosce bene e le appartiene.

Quando suo padre interrompe l’attività, Augusto compra il suo primo negozio di parrucchiere per signore in viale Abruzzi – dà il via alla propria storia. Questa volta, le miscele venivano preparate in un laboratorio. Quarantacinque anni fa l’arrivo in San Babila, un negozio di diciotto metri quadrati. Oggi, i negozi sono sei, in corso Monforte – il fiore all’occhiello – via Matteotti, via Farini, XXII marzo, galleria San Babila e via Battistotti Sassi.

«La storia nasce da mio nonno, che era barbiere e trattava anche i profumi, le frizioni che gli servivano per il suo lavoro. Mio padre ha sempre avuto un negozio di parrucchiere per signore e profumeria, in via Bellotti. In casa scioglieva i profumi, li filtrava, aveva un piccolo laboratorio domestico: di notte c’erano questi bottiglioni con sopra i filtri. Prima di andare a letto caricava di essenze che poi filtravano per tutta la notte, la casa ne veniva invasa. Ce l’abbiamo ormai nel sangue».

Si entra da Mazzolari e un fiume di profumi ti avvolge. Le foto alle pareti coi clienti noti, i banconi per la vendita che hanno sempre due poltrone per sedersi mentre si scelgono gli acquisti. Bisogna conoscere bene quello che si vende: «Vendere a libero servizio ti fa risparmiare sulle commesse, ma qui il servizio è fondamentale e ci vogliono i banconi. Quando un cliente entra, deve essere accolto, seguito, accompagnato, guidato nella sua ricerca – è questo il servizio che serve». È la professionalità di un mestiere, solo il tempo crea l’esperienza, non puoi improvvisare.

Non sorprende che Sisley, con Hair Rituel, sia diventato una presenza costante nella boutique di corso Monforte. Prendersi cura di sé non è vizio effimero, ma rispetto, diventa rito. Serve allora anche qui qualcuno che guidi, un hair stylist dedicato, capace di dare la risposta adeguata.

Soin Lavant Revitalisant Volumateur à l’huile de Camélia è la prima fase del rituale Sisley – deterge delicatamente apportando le vitamine e i minerali necessari alla vitalità del cuoio capelluto e delle lunghezze. Per nutrire e domare i capelli ribelli, la Maison propone Soin Lavant Revitalisant Disciplinant à l’huile de Macadamia, mentre la Crème Démêlante Restructurante aux protéines de Coton riveste il capello per levigare le cuticole, aumentarne la brillantezza e migliorarne la resistenza.

La seconda fase del rituale prevede la Masque Soin Régénérant aux quatre huiles végétales. Autentico ‘trattamento SOS’ agisce sul cuoio capelluto e le lunghezze riparando i capelli sfibrati e indeboliti.

Le Sérum Revitalisant Fortifiant pour le cuir chevelu è la terza fase del rituale. Sinergia di minerali, vitamine, estratti di origine vegetale e proteine, il siero dinamizza il bulbo capillare per migliorare l’ancoraggio dei capelli e renderli più resistenti. Protegge anche il loro colore naturale.

Per la quarta e ultima fase del rituale, Sisley consiglia l’Huile Précieuse Cheveux Brillance & Nutrition. Ristruttura le lunghezze e crea una pellicola attorno alla fibra grazie a un cocktail unico di oli nutrienti e ammorbidenti. Prepara i capelli all’acconciatura e può essere riutilizzato durante la giornata per dare un tocco di luminosità.

Wake up, it’s spring

01

Izia 1 – Sisley Beauty Wall performed by @LuciaMCurzi – pick your favorite Illustration and like it on Lampoon Instagram

02

Izia 2 – Sisley Beauty Wall performed by PatriziaCalegari – pick your favorite Illustration and like it on Lampoon Instagram

03

Izia 3 – Sisley Beauty Wall performed by @andrearubele – pick your favorite Illustration and like it on Lampoon Instagram

Testo Paola Corazza

 

Izia, la nuova fragranza Sisley, nasce da un ricordo d’infanzia di Isabelle d’Ornano, fondatrice, nel 1976, insieme al marito Hubert, della casa Sisley. Per celebrare il nuovo nato, Sisley ha ideato un muro, che non divide ma unisce: il Sisley Beauty Wall raccoglie i pensieri, i ricordi e tutto ciò che Izia riporta alla memoria. Un muro, si dice, è fatto per scriverci su: accoglie messaggi, disegni, scarabocchi, ricordi.

La memoria, si diceva: Isabelle d’Ornano ricorda la fragranza di una rosa particolare e senza nome, che fioriva solo ai primi di maggio in un roseto, in un luogo lontano, il castello di Łańcut, in Polonia. Quella stessa rosa che Isabelle porta, quindici anni fa, nel giardino della sua casa a Berry, nella valle della Loira, e che ama raccogliere in bouquet avvolti nella carta da giornale per portarle a Parigi. Isabelle osserva la sua rosa, la rosa d’Ornano, appassire, e immagina di rievocare quello stesso profumo, di riuscire a ‘catturarlo’ prima che svanisca per sempre. Ci riesce, con l’aiuto del ‘naso’ Amandine Clerc-Marie, fra i più importanti di Francia. Nasce il nuovo jus di Sisley, Izia, il diminutivo, in polacco, di Isabelle.

La composizione della nuova fragranza, sensuale e femminile, è sulla rosa. Sono presenti note di testa luminose e sofisticate come il bergamotto di Calabria e il pepe rosa, tocchi di fresia e di tè, e una base calda e legnosa, ammorbidita dai muschi.

Se questa storia che sembra una fiaba parte da un ricordo, il Sisley Beauty Wall è un luogo su tutti possono lasciarsi ispirare e lasciare un segno, virtuale, attraverso un post sui propri canali social usando gli hashtag #Sisleyparisitalia, #BeautyWall.

Sisley Beauty Wall

Wake up, it’s spring – take a flower and back to sleep, #Google says. We want to introduce #Izia, the new perfume by #Sisley on the first (actually, second this year) day of #Spring. 

Find more on Lampoon Instagram and on Sisley-Paris.com about a #BeautyWall using the hashtag #SisleyParisItalia.

All your posts will appear listed with us and #SisleyItalia. #Izia the new fragance by #SisleyItalia, conceived from a childhood memory by Isabelle d’Ornano #IziaStory.

Photography by Alexander Beckoven in The Fashionable Lampoon.

 
Special thanks for the Illustrations to Lucia Emanuela Curzi, Patrizia Calegari and Andrea Rubele.