Loading the content...
Navigation
Tag archives for:

valerio piperata

Un vulcano di no

Francesca Michielin – ph. Sergione Infuso

Text Valerio Piperata
@valeriopiperata

 

Si sarebbe potuto evitare, per una volta, l’ennesimo pezzo che scala le vette della classifica delle radio, totalizza cinque milioni e mezzo di views su YouTube e, alla fine, riesce a non parlare di niente. Questo è il risultato del singolo di Francesca Michielin, Vulcano, che anticipa un album di cui ancora non si sa, ma di cui forse già si intuisce troppo.

Corro di notte, i lampioni, le stelle, c’è il bar dell’indiano, profuma di tè, rido più forte, mi perdo nell’alba, sei in tutte le cose e in tutte le cose esplode la vertigine che ho di te – canta la ventiduenne di Bassano del Grappa mentre si sbraccia sotto il cielo di Berlino (vi prego, basta: la capitale tedesca è un cliché che non passa mai di moda, Tommaso Paradiso, Thegiornalisti, ne sa qualcosa), mangia fragole e balla ascoltando musica da un vecchio lettore cd, nello sforzo di sterzare quanto più possibile da un’immagine di sé di ragazzina prodigio nata dalla scatola di XFactor – che ha il merito di partorire aborti musicali come i sogni.

«Basta storie eteree – ha dichiarato la cantante – Di’ esattamente quello che c’è da dire. Verità contro vanità: stupisci te stessa, prima di volere stupire gli altri, fai qualcosa che non ti aspetti prima di qualcosa che non si aspettano». Peccato che il testo Vulcano sia una copia de L’ultima Festa, di Cosmo, il cantautore ritenuto il nuovo Franco Battiato. Quello che stupisce è che Francesca Michielin sia riuscita a cantare un pezzo che non sa di niente: ha prestato la sua voce – abile, potente e estremamente capace – a parole senza un concetto.

Il tutto sopra una base che strizza l’occhio senza dignità a tutti i trend possibili, con una ritmica che potrebbe stare sotto un pezzo reggaeton e dettagli qui e lì di trap, che ormai ha un mercato che viaggia da sé e che tutti saccheggiano. Più che qualcosa di esplosivo, Vulcano è un altro brano da cantare a squarciagola (oppure no) in auto, mentre vai in discoteca e pensi alla tua storia sentimentale, così speciale per te eppure così uguale a tutte le altre, ma che dimenticherai un attimo dopo, in attesa della prossima storia mediocre.

Image courtesy of Getty Images
www.gettyimages.it – @gettyentertainment