Loading the content...
Navigation
Tag archives for:

xavier dolan

#RomaFF12 – Interview with Xavier Dolan

Xavier Dolan at 12th rome film fest

Text Micol Beltramini

 

In un tweet di qualche settimana fa Xavier Dolan dichiarava che il nuovo IT era il suo film preferito del secolo. Ho visto il nuovo IT l’altro giorno e avrei tanto voluto chiedere a Xavier Dolan di cosa si fosse fatto prima di scrivere quel tweet. Non che il nuovo IT sia un film particolarmente indignitoso, ma la sproporzione tra il talento di Dolan e quello di Muschietti è imbarazzante. Comunque eccolo che arriva, Xavier Dolan, si fa i selfie con i fan sul red carpet, si è anche sbiondato i capelli e adesso somiglia curiosamente al cantante dei Green Day. Il modo in cui si pone e i discorsi che fa ti riportano a una sorta di primitivo entusiasmo che si spera ti cricchiasse tra i denti prima di diventare il grigio barbogio che sei. «È solo dopo aver fatto qualcosa fatto qualcosa con le tue mani che inizi a capirti, a trovarti. Io ho cominciato rubando: ripeti le idee degli altri fino a che non trovi le tue, ed è così che cresci». E ancora: «Ci sono un sacco di film in cui i protagonisti non hanno speranza, non hanno fortuna, non reagiscono. Il porno dei poveri, lo chiamo io. I miei film sono tutti su sognatori che lottano per qualcosa in cui credono, per il loro posto nel mondo. Non sempre vincono, non sempre finiscono insieme, ma non saranno mai dei perdenti, e se falliranno sarà colpa della vita, non loro: loro non si arrendono mai». Titanic è il film che più adora e non se ne vergogna: «Anche se uscito dal cinema più che diventare Cameron volevo scrivere a Di Caprio! Ma mi piacciono i film con un cuore e Titanic ti dice che puoi volare. Lo stesso fanno Mamma ho perso l’aereo e Lezioni di piano, per quel che mi riguarda». È raro e rinfrescante sentire un regista parlare così bene di così tanti film non suoi. Call me by your name di Luca Guadagnino, ad esempio: «Un film profondo e saggio, che ti aiuta a capire la bellezza di un cuore spezzato: il dolore apre così tante porte, anch’io ci credo molto». Lo stesso Guadagnino che ha invece stroncato Mommy di Dolan con ferocia da matrigna di Biancaneve. Ecco perché non ho dovuto chiedergli di IT: come quando finiva la scuola e avevi tutta l’estate davanti – così è Xavier Dolan.

Image courtesy of Press Office
romacinemafest.it – @romacinemafest