Slider

Tratto da The Whispered, Directory of Craftsmanship. A contemporary guide to the Italian handmaking ability (Mondadori Electa, 2010)

Borgo Egnazia nasce da un progetto di Aldo Melpignano che, insieme alla sua famiglia, è il proprietario del Gruppo San Domenico Hotels, costituito dalla Masseria San Domenico e la Masseria Cimino, entrambe in Puglia, e la San Domenico House a Londra, tre brillanti esempi di hotel-boutique. Questo resort è situato nel cuore della Puglia a Savelletri di Fasano, terra di maestosi olivi vecchi di secoli, tra lo splendente mare Adriatico e lo spettacolare San Domenico Golf Club, che occupa una superficie di ben quaranta acri di terra dei duecentocinquanta acri dell’intero patrimonio. In italiano borgo significa villaggio, pertanto l’intero resort è stato costruito prendendo come modello il villaggio tradizionale pugliese. È costituito da una splendida ex masseria, da villette a schiera e ville private. Dal punto di vista del design, il resort risulta essere un perfetto mix fra architettura locale, stili dell’artigianato tradizionale e modernità. I mobili sono stati costruiti da artigiani locali. L’assoluta privacy offerta ai numerosi ospiti del resort è garantita dalla tipica vegetazione della zona, immersa tutto l’anno nel sole del Mediterraneo, costituita da piante di gelsomino, bouganville, fico d’India e agrumi. La cucina del ristorante di Borgo Egnazia una volta provata non si può dimenticare come il capo chef stellato Michelin Mario Musoni e il suo staff, i quali utilizzano gli ingredienti provenienti dai terreni del resort o dai territori vicini. Nel corso della sua breve esistenza, Borgo Egnazia è stato riconosciuto da Condè Nast Traveller e Harper’s Bazar come nuovo hotspot in Puglia, regione d’Italia che fino a poco tempo fa non rientrava tra le mete principali del turismo, ma che per diversi motivi ha saputo recuperare il tempo perduto.


Borgo Egnazia Hotel

72010 Savelletri di Fasano (BR)

Ad Banner3
Ad Banner3