previous arrow
next arrow
Slider

Carlo Mazzoni, 20 settembre 2018

California State Route 1 – è stata riaperta un mese fa, dopo più di un anno di chiusura al traffico – un pezzo di montagna era franata in mare interrompendola a metà. Big Sur è il fiume che corre lungo la costa cercando un valido tra la parete di montagne che fanno muro all’oceano. Big Sur è anche il titolo di un libro scritto da Kerouac già famoso: un gruppo di Beatnik vivono un’estate tra San Francisco e una capanna sul mare, in compagnia di un asino e di tante bottiglie – non andate a Big Sur senza averlo letto, non perché il romanzo abbia un valore, ma perché un viaggio comprende la strada, le anime che raccontano questa strada e i profumi che vi corrono. ll Post Ranch Inn è una tenuta sul ciglio, a strapiombo sull’Oceano Pacifico – le case triangolari, sempre alla moda di Lloyd Wright, sono costruite e sospese sugli alberi – la sera accendi il camino, la mattina all’alba trovi i cervi al pascolo e una coltre di nubi sopra il mare che potresti essere sul Monte Bianco o in aereo e invece sei davanti al mare. Non c’è inquinamento luminoso qui, le città sono distanti – è uno dei posti tecnicamente migliori per vedere le stelle, e posso giurare che così tante stelle nel cielo io non immaginavo potessero esserci – sì, certo, lo so che le stelle sono infinite, ma non immaginavo l’infinito potesse essere così.


Post Ranch Inn

47900 CA-1, Big Sur, CA 93920, Stati Uniti