Slider

Tratto da The Whispered, Directory of Craftsmanship. A contemporary guide to the Italian handmaking ability (Mondadori Electa, 2010)

Sabrina Delfino, originaria di Catania, fin da ragazzina era ansiosa di lasciare un segno nel mondo dell’artigianato. «Desideravo usare le mie mani» afferma. Si trasferisce quindi a Roma, poi a Milano, infine a Londra, imparando a lavorare con le mani e applicando con successo le sue doti in tutta una serie di progetti. A vent’anni disegna la prima linea d’abbigliamento con un’amica allo stesso modo ansiosa di farsi una carriera nell’industria. Durante un viaggio in Francia, in particolare in Provenza, scopre profumi e fragranze locali, tra i quali il famoso sapone di Marsiglia fatto a mano. È amore a prima vista. Quei delicati aromi floreali la riportano all’infanzia trascorsa in Sicilia, in campagna con la nonna che aveva l’abitudine di fare il sapone in casa mentre lei giocava sull’albero di fichi. Inizia a studiare l’arte del sapone, prestando speciale attenzione ai vari metodi e tradizioni, così come all’importanza dell’olio di oliva come ingrediente base. L’olio di oliva, simbolo della nativa Sicilia, è la scintilla che la riporta in patria. Ora produce saponi delicati e fragranti usando ingredienti locali quali l’olio di oliva, la terra vulcanica, la frutta e le erbe della sua terra, preferibilmente provenienti da metodi di coltivazione biologici e biodinamici. L’animato laboratorio in cui lavora si trova nel centro di Catania dove, in un fresco e tranquillo cortile siciliano, produce dai sali da bagno agli shampoo, dagli oli idratanti alle creme cosmetiche che traggono ispirazione dalle tradizioni siriane e catalane.


Sa di Sapone

Viale Africa, 31

95121 Catania