[doptg id=”857″]

Text Matteo Mammoli
@godsavemama

Ventidue secondi in aria. Volava il primo aeroplano in Europa, l’Oiseau de Proie, uccello da preda. Nome ufficiale, 14-bis: un biplano con carrello d’atterraggio ideato e realizzato dal franco-brasiliano Alberto Santos-Dumont, padre dell’aviazione. Nove volte in volo. Al parc de Bagatelle, nei sobborghi di Parigi, la folla ha atteso fino al tramonto. I primi tentativi della mattina avevano portato a scarsi risultati, cinquanta metri percorsi al massimo. Un pit-stop nel primo pomeriggio per riparare il velivolo dopo un atterraggio brusco. Di sera, l’ultimo volo, quello vincente: raggiunti duecentoventi metri di distanza. Era il 12 novembre 1906.

Due anni prima, nella Parigi della Belle Époque, Santos-Dumont cenava da Maxim’s. Quella sera, sorseggiando champagne, ebbe a lamentarsi con il suo commensale. Troppo scomodo, in volo, levare un braccio dal volante per consentire alla mano di intrufolarsi nel taschino della giacca ed estrarre l’orologio a cipolla. Bussava alla porta giusta – lo ascoltava l’amico Louis Cartier. Così nacque il primo orologio da polso maschile – quadrante poligonale, anse integrate e cinturino in pelle – il Santos de Cartier.

Commercializzato a partire dal 1911, è l’unico orologio con una storia centenaria alle spalle. Al SIHH 2018 di Ginevra  – Salon International de la haute horologerie – Cartier ha presentato il nuovo modello di Santos. Fondo chiaro, numeri romani neri, uno spinello blu nella corona, otto viti a vista a delimitare il quadrante: l’aspetto è lo stesso di allora, poco smussato nelle forme, la tecnologia è quella della nostra epoca, avanzata – più resistente agli urti e alle variazioni di pressione, carica automatica, dotato dello SmartLink, che permette di cambiare il bracciale in autonomia, senza recarsi in boutique.

È Jake Gyllenhaal il Santos-Dumont del nuovo millennio. Nel video realizzato per il lancio della collezione, l’attore interpreta l’aviatore brasiliano. Vede oltre quello che esiste, vive a tutta velocità valicando i limiti dell’umano, pensa e realizza il nuovo. Omaggiano l’ultimo modello Santos de Cartier anche artisti e instagrammer, che attraverso illustrazioni, foto e video raccontano la storia del centenario orologio, nato quasi per caso, una sera, a cena da Maxim’s.

Video by oliver astrologo – ig @oliverhl

Santos de Cartier, cartier.com