previous arrow
next arrow
Slider

Quello di Hermès in questa settimana del design milanese è stato un omaggio ai materiali, alla Pelota. Tappeti, lampade, tessuti, oggetti d’arredo, disegnati sotto la nuova direzione creativa di Charlotte Marcaux Perelman e Alexis Fabry sono stati presentati in un percorso labirintico limitato da muri di pietra. Louis Vuitton ha scelto Palazzo Serbelloni come location per presentare la collezione Objets Nomades, che quest’anno ha chiamato a collaborare anche Zanellato /Bortotto, che hanno realizzato Mandala Screen – lo scorso anno, i primi italiani selezionati per il progetto della maison era stato il duo di Atelier Biagetti, che avevano presentato il tavolo Anemona. La collezione di Dior – quattordici pezzi tra vasi, piatti, un lampadari, segnaposti, cornici, un accendino, un posacenere e un portaombrelli – è stata presentata nella rinascimentale Casa degli Atellani, con un installazione di DimoreStudio. Fendi ha aperto le porte del suo spazio espositivo in Via Solari per presentare Back Home, un’installazione che mostra i pezzi disegnati da Cristina Celestino, chiamata a rivisitare il motivo del Pequin.


hermes.com

louisvuitton.com

dior.com

fendi.com