previous arrow
next arrow
Slider

La 91° edizione degli Academy Awards, tenutasi nella notte fra il 24 e il 25 febbraio 2019, segna il trionfo di Olivia Colman che vince la sua prima statuetta come Miglior Attrice Protagonista per La Favorita di Yorgos Lanthimos. Il discorso dell’attrice si discosta dagli altri: il risvolto politico-sociale che le vincitrici degli scorsi anni hanno dato alle loro parole (si pensi al messaggio femminista di Frances McDormand, vincitrice della statuetta nel 2018, che ha fatto alzare in piedi tutte le donne candidate a un premio nelle diverse categorie) non emerge da quelle della Colman, i cui scatti e tic riprendono ironicamente quelli della regina Anna, di cui è interprete. Sorpresa, emozione, i ringraziamenti agli affetti, e qualche battuta d’occasione, hanno ridato alla cerimonia degli Oscar il sapore del cinema di una volta, in cui un premio era conferito per la qualità del prodotto. Una premiazione che sembra celare la voglia di dedicarsi in toto al cinema, di lasciarsi cogliere impreparati all’annuncio del vincitore, senza bisogno di preparare un discorso.