[doptg id=”643″]

Text Michele Zeni
@michele_zeni

 

Un unico edificio, più individualità e un solo obiettivo: definire le sfumature della personalità Moncler. È stato annunciato oggi il progetto Moncler Genius proposto da Remo Ruffini per affrontare il futuro del brand. Il Moncler Genius Building verrà svelato il 20 febbraio, durante la fashion week milanese. Un edificio composto da più aree adibite agli specifici creativi che, unisonamente, rappresenteranno la molteplicità del carattere Moncler. Come una ‘repubblica dell’immaginazione’, sarà un luogo di incontro, dove la visione individuale interpreterà l’unicità del brand.

Moncler Genius nasce da un approccio curatoriale che mantiene il prodotto al fulcro e mira al soddisfacimento del consumatore finale. Un binomio attivo che basa la propria azione inventiva su efficenza e stile inconfondibile dei capi, creando una sinergia progettuale innovativa. Lasciare libertà espressiva ai designer permette un rafforzamento dell’unicità del prodotto e un flusso di parola su di esso, adattandosi alla visione singolare di ogni creativo e quindi rispecchiando l’identità del consumatore. Creazione, distruzione e ricostruzione – l’idea diventa un luogo che crea movimento comunicativo e che si materializza in un vero e proprio universo fisico.

Se l’unicità è la forza che definisce l’identità, la molteplicità è l’essenza dell’autenticità.

Le menti creative di Moncler Genius – Pierpaolo Piccioli, Karl Templer, Sandro Mandrino, Simone Rocha, Craig Green, Kei Ninomiya, Hiroshi Fujiwara e Francesco Ragazzi.

From The Fashionable Lampoon archives