Slider

Lo stilista britannico Craig Green traduce i codici della sua collezione autunno/inverno 2019 in strutture. La nuova campagna vede una serie di figure solitarie che giacciono a galla in fragili involucri. Uomini anonimi appesi da qualche parte nello spazio tra realtà e illusione, racchiusi in confini che non si incontrano mai del tutto. Le strutture dell’istallazione è costruita con sospensioni in acciaio e pino con abbellimenti polarizzati, questi volutamente incompleti. All’interno di questi confini transitori, uno spostamento febbrile della percezione vede migrare componenti ed evolversi colori, creando uno scenario astratto che vuole imitare una crescita organica.


Craig Green