previous arrow
next arrow
Slider

Il 24 maggio, sulla terrazza centrale del Ponte Vecchio, si terrà la premiazione dei vincitori della prima edizione del concorso indetto dalla Maison di alta gioielleria Fratelli Piccini in occasione dei suoi 115 anni di attività. Armando Piccini – Heritage for the future, questo il nome del premio, è promosso e realizzato dal brand fiorentino con il supporto di OMA – Osservatorio Mestieri d’Arte e di LAO – Le Arti Orafe Jewellery School.

Nel 1936 fu l’artista orafo Armando Piccini, a soli 22 anni, ad aggiudicarsi un primo premio: alla Biennale di Venezia del 1936, con quattordici gemme incise a mano – esposte oggi presso il Museo Il Tesoro dei Granduchi a Palazzo Pitti.

Il primo classificato al concorso avrà diritto a una borsa di studio del valore di 13mila euro per la frequentazione di un corso annuale di 900 ore in Oreficeria. Il disegno del vincitore sarà realizzato dagli orafi della Maison Fratelli Piccini e rimarrà in esposizione presso l’atelier Fratelli Piccini per due mesi dall’avvenuta premiazione. Il secondo classificato avrà diritto a una borsa di studio del valore di 9mila euro, e un corso annuale di 700 ore in Disegno del Gioiello. Un ulteriore premio sarà assegnato da Elisa Tozzi Piccini al partecipante che riterrà più meritevole con una borsa di studio del valore di 4.200 euro per la frequentazione di un corso semestrale di 300 ore di incisione su lastra. I corsi si terranno presso la sede di LAO – Le Arti Orafe Jewellery School.