[doptg id=”499″]

Text Cesare Cunaccia
@cesarecunacciaofficial

 

Il Gala dinner in onore dei vari premiati, nella serata del 30 maggio scorso ha aperto la Montecarlo Fashion Week, nella cornice primo ‘900 del Museo Oceanografico sul Rocher. Montecarlo, un magnifico pezzo di terra e roccia e uno skyline in metamorfica trasformazione, affacciato sul Mediterraneo e che riassume in sé tante valenze di mito, di simbolo e racconto, ha voluto sancire il suo profondo legame con la moda dando vita a questa manifestazione patrocinata dalla principessa Charlène. A tagliare il nastro, la sempre bellissima Naomi Campbell, in un sofisticato abito bianco ghiaccio, che in quest’occasione è stata insignita dell’International Fashion Award. Tatiana Santo Domingo Casiraghi, accompagnata dal marito Andrea, ha invece ricevuto l’Ethical Brand fashion Award, per la creazione, con Dana Alikhani, del marchio Muzungu Sisters, mentre l’eccellenza del Made in Italy è stata incarnata dal riconoscimento conferito a Chiara Boni, che il giorno seguente ha sfilato la sua collezione beachwear in jersey per il suo marchio La petite robe. Un tema, quello del beachwear particolarmente legato e in perfetta sintonia con la leggendaria vocazione resort di Montecarlo. Tra i presenti alla soirée, Alexandra di Hannover e Beatrice Borromeo Casiraghi, Victoria Silvsted, il due volte campione del mondo di Formula 1 Mika Hakkinen con la moglie Marketa, oltre all’ambasciatore italiano nel Principato Cristiano Gallo, anfitrione, il 2 giugno, di un grande ricevimento a bordo piscina al Beach per celebrare la Festa della Repubblica. Fitto il succedersi di eventi, visite private e cocktails, ma soprattutto il calendario degli shows, sull’intero arco del 2 e del 3 giugno, presso il Fashion Village del Chapiteau di Fontvieille. Tra gli altri in passerella, le avveniristiche sorelle turche del duo Ezra Tuba, Edda Berg con i suoi composé evocativi, Babylon, Muzungu Sister, Nordic Angels, Alessandro Angelozzi, Thelma Espina, Luca Taiana, Angelo Castellani e le giovani leve dell’Istituto Marangoni.

Images courtesy of press office
www.mcsaatchi-milano.com – @mcsaatchimilano