Loading the content...
The Fashionable Lampoon
Tag archives for:

streetwear

Dallo Streetwear allo Snobwear

Chiara Hovland – photography Cameron McCool, styling Fausto Puglisi
Chiara Hovland, Andrei Coiana – photography Cameron McCool, styling Fausto Puglisi
Andrei Coiana – photography Cameron McCool, styling Fausto Puglisi

Text Carlo Mazzoni

Facciamo un passo indietro e ritroviamo la definizione di ‘Streetwear’, un abbigliamento sportivo per skate, surf e basket tra spiaggia e asfalto a Los Angeles negli anni Settanta, traslato per il tempo libero ed elaborato dalla community afroamericana nella comunicazione per musica rap e hip hop. Su questa base si mescolano il design giapponese e la sua sperimentazione, una costante rivisitazione della logomania e svariati dettagli di couture parigina. Tutto deve esser appariscente, tutto deve apparire in contrasto e con un tocco di ironia – la gonna a balze con le sneaker e i tacchi scultura sotto i pantaloni da jogging. Chi si veste così dà nell’occhio e i fotografi – appunto di streetwear ­– si eccitano come matti sui marciapiedi fuori dalle sfilate.

 

Fino a poco tempo addietro, scarpe, cappellini, pantaloni da ginnastica e canotte – l’abbigliamento sportivo in genere che compone la base di questo streetwear – è stato proposto da aziende di mass market: Nike e Adidas all’apice di una miriade di brand da grande magazzino. Nelle ultime stagioni le case del lusso li hanno proposti a loro volta sulle passerelle di Milano e Parigi – da Valentino a Louis Vuitton. Da non dimenticare, in parallelo, le edizioni limitate firmate dai rapper, proposte dai brand di mass market a prezzi di alto consumo. In questi ultimi anni, l’interesse della stampa era più legittimo: le tute in cotone plastificato per giocare a pallacanestro, addosso ai rapper e mescolate ai codici del lusso, al fatto a mano, alla ricerca su materiali e alla speculazione grafica erano materia di indagine e ragionamento.

 

La moda ha una regola soltanto: mai stare fermi. Sta nella sua definizione – per moda si intende quello che piace nel momento attuale. L’evoluzione è costante – appena un’estetica si consolida e si codifica, significa che sta per sopraggiungerne un’altra. La prima scossa arrivava a giugno durante le sfilate maschili (da notare che quasi tutti i cambiamenti appaiono prima sulle passerelle dell’uomo, poi su quelle della donna: il campo di azione sulla figura maschile è ridotto, la creatività si sforza e produce innovazione). Più precisamente e come spesso succede, dalla passerella di Prada – dal hype di Prada. Mentre tutte le case giocavano su cotoni elastici e plastici per il salto e il ballo, sport e spazio astronauta, Prada richiamava l’uomo anni Settanta. Pantaloni stretti e cavallo alto, accenno alla zampa, giacche corte quasi spioventi, spalle strutturate, colori umidi, stemmi da college inglese. Argomenti ricorrenti da Gucci, dove però non sono trattati con rigore della forma ma come riferimenti di costume, se vuoi di cultura. Prada è stata precisa in questa estetica: e nel panorama della moda attuale e mondiale, tale estetica affusolata e un po’ rock riporta a un nome – Hedi Slimane.

 

Prendendomi una libertà di retorica, è come se Prada volesse dare un plauso, un’introduzione al lavoro di Slimane, indovinandone alcune possibilità. È quello che tante altre case hanno fatto durante le sfilate femminili di settembre, come se tutti abbiano voluto dare un individuale visione di un Celine rivisto da Slimane, ognuno a modo proprio. Questo si può dire sia il bello della moda: una conversazione di immagini attuale, che coglie l’argomento del tempo e lascia a ognuno l’espressione del proprio punto di vista sul tema. Giornalismo di moda è saper cogliere questa filo conduttore che prosegue e conduce l’evoluzione estetica, segnando ciò che resta attuale e proiettato al futuro, rispetto a quanto viene segnato come superato.

 

Celine disegnato da Phoebe Philo era un riferimento per una donna vestita di volumi, sicura del proprio intelletto e poco interessata a piacere agli altri perché le interessava piacere a se stessa. Si supponeva che Slimane entrasse in questa visione borghese con il suo segno nero, la sua silhouette grafica, la sagoma tagliata, il lucido della notte e della motocicletta – una ragazza per bene e borghese che si fa viziata e superba nella sua educazione, culturale e intellettuale. Il primo è stato Riccardo Tisci a Londra, a dire la sua sull’argomento: la sfilata presentava forse troppe idee, perdendo il punto – ma le prime uscite segnavano una ragazza ben vestita, posata, ordinata – tutto l’opposto dallo Streetwear di cui parlavamo sopra e che il mondo si aspettava da Tisci per Burberry.

 

A Milano, di nuovo da Prada: nella sua rivisitazione di piccoli abiti neri, decolleté di vernice. Fendi nei tubini grafici di pelle, gonne longuette, cappotti e impermeabili di un armadio eterno (anche se qui, alcuni elementi sporty erano ben presenti). A Parigi, l’apertura scura di Dior per una sfilata di primavera è stata forse l’ultima conferma – certo, il fondamento di Dior resta un vestito semplice, ben tagliato, ma le prime due uscite potevano sembrare un tributo alla Philo, così come un vestito over e corto in quello che forse era taffetà, per poi stringersi in vita su gonne spioventi alla petite robe salutando Slimane, e quindi procedere su colori tra il bianco, la crema e i toni scuri. Anche nell’apertura di Valentino si poteva scorgere un segno alle strade di notte a Parigi – mentre tutto questo trovava naturale anche se ambiguamente legittima potenza in un Saint Laurent, che dagli ultimi due anni continua a piacere a tutti, pubblico e mercato.

L’unico che di Celine, della sua cultura e del suo riferimento se ne è completamente infischiato, è stato proprio Hedi Slimane. Come a dire, ha lasciato fare agli altri. Slimane ha presentato solo Slimane – con superbia sicuramente, quasi con spocchia, ha mandato in passerella abiti simili a quelli della sua ultima sfilata di Saint Laurent, ormai tempo addietro, proprio come se niente lo avesse sfiorato.

Oggi che scrivo restano aperte solo domande – d’altra parte, penso sempre siano più interessanti le domande piuttosto che le risposte. Le critiche sia di pubblico sia di stampa sono esplose contro il nuovo Celine (al di là dell’accento, inizieremo a chiamare Celine al maschile?). Si prevede che LVMH disponga molte risorse per il progetto di Slimane – e ricordo le stesse critiche feroci per la prima sfilata di Slimane da Saint Laurent quando poi, alla stagione successiva, tutti ne osannavano il genio e il mercato comprava senza freno alcuno. Una cosa è certa: quello che fa Slimane irrita, ma poi piace. La componente snobistica del sistema moda è dominante: piace quello che gli altri non hanno. Soprattutto oggi, quando il lusso è stato banalizzato e diffuso dalla comunicazione digitale. Slimane conosce le mosse di questo gioco. Quello che l’élite intellettuale vuole è quanto gli altri non hanno – e la storia insegna, quella più antica come quella recente, quanto l’élite intellettuale conduca la massa popolare (è da sottolineare che con ‘élite intellettuale’ non si intendono i ricchi o i figli dei ricchi di qualsiasi parte del mondo, ma precisamente si intende l’élite intellettuale e culturale europea). Scegliendo un claim forse un po’ banale (tutti i claim devono essere banali per essere claim) si potrebbe dire, ‘dallo streetwear allo snobwear’.

Cosa nascerà dal contrasto tra il segno e l’atteggiamento di Slimane e che tante case di moda riconoscono e il successo bombastico dello Streetwear. Non si deve pensare in termini di chi resta, di chi vince e di chi cade – ma bisogna chiedersi come le due estetiche possano reagire l’una con l’altra e come si evolveranno le richieste del mercato. Da notare qui, a complicare il ragionamento, è Nicolas Ghesquière per Louis Vuitton – l’unica casa tra le maggiori ad avere mandato in passerella una sfilata streetwear, forse per sostenere la strategia maschile scelta con Virgil Abloh. Louis Vuitton è la casa con il più alto fatturato annuale, circa nove miliardi, seguito da Chanel e Gucci, sui sei miliardi.

L’ultima domanda. Slimane non ha considerato Celine, presentando solo Slimane. Che sia su questo punto che il vaso di Pandora voglia restare scoperto? Che sia finito il tempo dei direttori creativi e sia tornato quello degli stilisti? Voglio dire: forse non ci saranno più direttori creativi a reinventare i brand, ma semplicemente brand che ospiteranno stilisti. Oggi i brand sono canali di distribuzione, vendita e media, con enormi risorse economiche a disposizione. I brand appaiono simili a broadcaster. Forse alla fine si tratta solo, sempre e comunque, di sobrietà: ognuno fa semplicemente quello che sa fare. Ognuno disegna quello che sa disegnare. Di tutto il resto poco importa – conta la sicurezza in se stessi, una dose di egocentrismo, la spocchia che nasce dalla propria bravura. Si tratta di snobwear.

Critica della Ragion Street

From NY Fashion Week photographed by Dan Roberts
@itsdwallace
Vetements – Mens SS18
Vetements – Mens SS18
Vetements – Mens SS18
Andreea Diaconu photographed by Ezra Petronio
Kanye West, Virgil Abloh
Paris Fashion Week FW18
Vetements – Backstage SS18
Y-3 FW15
Prada Resort 2018
Paul Barge & Charlie Ayres Taylor by John Sandberg

Text Michela Tamburrino

 

Un cortocircuito a un certo punto ci deve essere stato. E lo si può rintracciare in quel percorso di mezzo che va dalla suggestione scritta alla sua attuazione in carne, dal suggerimento all’identificazione. Street Style, secondo vocabolario, è lo stile informale d’abbigliamento che gli esperti s’ostinano a sdrammatizzare evocando l’idea della strada, del come si gira marciapiede-attraversamento-marciapiede. No gioielli, sì sneakers, no tacchi, sì pantalone con banda a tuta. Nessun equivoco, una moda da scappa e fuggi, da casual friday quotidianizzato. Cercando su Internet il significato di Streetwear si trova l’identica definizione, con l’aggiunta del portato giovane.

Allora, perché il cortocircuito? Street Style vs. Streetwear: quando è successo? Perché una cosa è certa, è successo nel più drammatico dei modi. Rivista specializzata alla mano, si esce da casa alla ricerca di qualcosa che assomigli, sia pure lontanamente, a quanto fotografia recita. Niente. I fitting sono desolanti, soprattutto partendo dai piedi. Non esiste in natura niente di più raccapricciante delle infradito di gomma, se poi valicano il confine della spiaggia, valgono l’arresto immediato. Fanno male alla schiena, alle dita, alla postura, all’occhio altrui. Senza distinzione di genere.

Si sale con orrore fino allo shorts calzato come un principio da donne cannone ignare dell’effetto shining che producono. Ne è logica conseguenza il costume intero che funge da body, le collane di plastica riciclata, bracciali e orecchini della stessa lega, colori sgargianti, tetri, fusi a fiori, righe, pois che si portano tanto quest’anno. E la rivista specializzata? Langue inascoltata. Persino le scarpe da ginnastica non hanno nulla in comune con quelle pubblicate, s’avanzano piene di strass, puntini, fiocchetti inutili. Da quando ogni maglietta è un inno a qualcosa o un messaggio rivoluzionario? Ma dove trovano tutta quella roba tutti quelli che dovrebbero essere la rappresentazione in vita contemporanea della Street Style e che invece ancheggiano con addosso la più becera Streetwear? Quale negozio mesta nel torbido imbrogliando le carte e facendo di due quasi sinonimi due certi nemici?

L’investigazione non porta a risultati, si capisce solo che la strada non restituisce la strada, anzi, la contraddice. Quello che gira è la negazione in canotta e bermuda con tasche di quanto gli stilisti propongono. Non è neppure l’adattamento logico della passerella. È la vendetta del cattivo gusto che trionfa, il sorpasso a sinistra, la rivoluzione dei senza griffe. Mi vuoi Street Style? Io ti uccido con lo Streetwear.

Streetwear blob

MEN'S OFF WHITE COLLECTION DONDI WHITE – © @FABIENMONTIQUE @STUDIOPREMICES
LV MEN SS19 BY VIRGIL ABLOH – @LOUISVUITTON
LV MEN SS19 BY VIRGIL ABLOH – @LOUISVUITTON
LV MEN SS19 BY VIRGIL ABLOH – @LOUISVUITTON
LV MEN SS19 BY VIRGIL ABLOH – @LOUISVUITTON
OFF WHITE FOOTWEAR – @OFF__WHITE
OFF WHITE FOOTWEAR – @OFF__WHITE
ALYX STUDIO – COLLECTION BY @MATTHEWMWILLIAMS @MRKIMJONES
LV MEN SS19 BY VIRGIL ABLOH – @LOUISVUITTON
OFF WHITE CAPSULE COLLECTION – FROM @OFF__WHITE IG
OFF WHITE DENIM – @OFF__WHITE
OFF WHITE COLLECTION – FROM @OFF__WHITE IG
PRE-FALL FW18 MEN'S OFF-WHITE - FROM @OFF__WHITE IG – © @VIKTORVAUTHIER
FROM @VIRGILABLOH IG
DIOR MEN SUMMER 2019 FIRST LOOKS © MORGAN O'DONOVAN
DIOR MEN SUMMER 2019 FIRST LOOKS – © MORGAN O'DONOVAN

Text Carlo Mazzoni
@carlomazzoni

 

In questo momento qualsiasi stock che riporti alla cultura dello Streetwear si vende in una settimana. Oggi i buyer comprano Streetwear – che sia una grande casa che impone loro un prezzo forzato (2.1 generalmente) o meglio, una piccola azienda con cui possono imporre il loro vantaggio fino a un 3.5.

Il ragionamento parte dalla moda uomo, perché è con la moda uomo che si riesce a comprender le evoluzioni. Tutti i cambiamenti appaiono prima sulle passerelle dell’uomo, poi su quelle della donna: il campo di azione sulla figura maschile è ridotto, la creatività si sforza e produce innovazione.

Ricordiamoci che l’Italia ha sempre prodotto una moda commerciale: piedi per terra e business plan alla mano, le aziende italiane sono epitome di produttività reale. Commerciali sì, ma in prima fila, sempre guardando avanti – mai diventando follower. Per le ultime collezioni di giugno, tra Milano e Parigi, mentre tutte le case giocavano su cotoni elastici e plastici per il salto e il ballo, sport e spazio astronauta, Prada ha richiamato un uomo Anni Settanta. Pantaloni stretti con cavallo alto, anche a zampa, giacche corte quasi spioventi e spalle strutturate, colori umidi, stemmi da college inglese. Argomenti ricorrenti da Gucci, ma Prada è stata precisa in questa estetica – e nel panorama della moda attuale e mondiale, tale estetica affusolata e un po’ rock riporta a un nome soltanto: Heidi Slimane.

Heidi Slimane debutterà a Parigi con la donna di Celine e inventerà l’uomo, per Celine, su un codice non estraneo al suo pensiero. Slimane è un professionista – Celine un’azienda di LVMH, solida sia esteticamente sia commercialmente. La domanda e l’attesa su cosa farà è lecita – e Prada, con questa sua ultima sfilata uomo ha voluto dare un plauso, un benvenuto e una introduzione al prossimo lavoro di Slimane, volendo indovinarne alcune possibilità, facendone una previsione e direi anche scommettendoci sopra. Da tanti anni ormai, Prada ha saputo, più di ogni altra azienda, prevedere i tempi successivi a quelli attuali. Se le altre case lo afferrano a cicli, Prada è l’unica che rimane solida nel suo hype (parola difficile da tradurre in italiano) – cioè , Prada è sempre Prada, e gli altri fanno quello che fa Prada. Se Prada punta in una direzione, quella di Celine, il sintomo è rilevante.

La domanda è qui, semplicemente questa: cosa nascerà dal contrasto tra quello che farà Slimane da Celine e il successo bombastico dello Streetwear attuale? Non si deve pensare in termini di chi resta, di chi vince e di chi cade – ma bisogna chiedersi come le due estetiche possano reagire una con l’altra e come si evolveranno le richieste del mercato.


Text Jacopo Bedussi
@jacopobedussi

 

L’impressione, finita questa tornata menswear, è di sospensione. Raggiunto il picco della parabola street si vive un momento di stasi straniante. Questo blob che ha inghiottito tutto sembra non avere più spazio di espansione dopo essersi mangiato ogni asset, cannibalizzato target che parevano inarrivabili e raggiunto i limiti del sistema moda. Non ci sono più collaborazioni possibili perché tutte le collaborazioni sono state fatte, come in quel racconto di Borges, in cui invece di una Biblioteca di Babele c’è un’ideale scarpiera in cui esistono tutti i modelli di tutte le sneaker in tutti i materiali e in tutte le possibili varianti.

L’assenza di slancio è palpabile e quello che ci si chiede è come si presenterà il backlash, lo street collasserà su se stesso trasformandosi in una nana bianca alimentata da una nicchia di nostalgici che imperturbabili indosseranno bucket hat fino alla pensione? Oppure si spegnerà abbandonando stagione dopo stagione prima le scarpe enormi, poi gli occhiali da sole da trapper, poi le stampe bold fino a restituire ai corpi una verginità sartoriale? Le sfilate della prossima primavera estate non offrono frattaglie con cui vaticinare, e noi wannabe-aruspici della coolness ci siamo dovuti accontentare di privati deliri e scommesse cieche.

Anche tavoli caldi su cui sembrava si dovesse puntare per avere una finestra sul nuovo sono stati più reazionari del previsto: Virgil Abloh da Vuitton non ha cambiato le regole del gioco; Kim Jones da Dior Men (fu Homme) ha scelto la terza via della rivoluzione tranquilla allietata da un esotismo teen; Raf Simons, nonostante il cambio di location da New York a Parigi, è rimasto fedele alla (propria) linea.

I brand indipendenti, case più piccole rispetto ai grandi nomi, compongono seconde linee di trincea che stanno per sfondare e arrivare sul campo di battaglia a prendersi medaglie e onorificenze. Basta vedere il front row stellare da Alyx: lo street si intellettualizza, sceglie personaggi, materiali e funzioni che alla strada erano soliti stare sotto, in club pieni di fumo, o che in strada ci dormivano direttamente.